Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Maggio 2020

Er 4 maggio

Er 4 maggio

***

Così è arivato ar fin er 4 maggio,

l’inizzio de li primi allentamenti, 

du’ mesi de lockdown e isolamenti,

in cui ‘sto giorno era più un miraggio.

***

Ma ciànno detto: “Bada, state attenti,

nun è libberi tutti, annate adaggio,

ché ce sta ancora er rischio der contaggio,

se ponno visità pochi parenti …

***

… Se pò fà sport, ma si è individuale,

sò da portà così le mascherine,

e la distanza a un metro è essenziale.

***

Su mezzi pubbrici e pe vetrine

c’è un massimo de gente e la stanziale

cià la Reggione a faje da confine”.

***

Inzomma ancora è guasi tutto uguale,

a quer ch’è stato ‘sti du’ mesi e er fine

è d’evità che s’arisveji er male.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

 

  1. Così è arivato ar fin er 4 maggio,
    l’inizzio de li primi allentamenti,
    du’ mesi de lockdown e isolamenti,
    in cui ‘sto giorno era più un miraggio. …

    Comment by Stefano — 4 Maggio 2020 @ 06:30
  2. Tutti questi divieti sono anticostutizionali: non c’è nessuna legge che mi obbliga a stare rinchiusa, è una cosa che si è inventata Conte per costringere il popolo

    Comment by letizia — 4 Maggio 2020 @ 15:28
  3. …a rimanere in silenzio senza protestare! Ma ora basta!
    Buon Pomeriggio.

    Comment by letizia — 4 Maggio 2020 @ 15:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>