Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

8 Maggio 2020

A che serve fasse la guera?

A che serve fasse la guera?

***

Capisco le raggioni der Governo,

ma anche quelle de l’opposizzione,

p’er primo, co ‘sta rogna de gestione,

pe la seconna, prospettà l’arterno.

***

Ma intanto se divide la nazzione,

chi sta co Conte e chi contro in eterno,

quanno ar momento mejo era un fraterno,

restà uniti in collabborazzione.

***

Che nun ce serve er muro contro muro,

ma mosse pe riarzà er Paese intero,

le chiacchiere nun serveno, sicuro.

***

Ce sta da ripartì … tanti da zero,

e solo Dio lo sa de quant’è duro,

ma fatto tutti assieme è meno nero.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Capisco le raggioni der Governo,
    ma anche quelle de l’opposizzione,
    p’er primo co ‘sta rogna de gestione
    pe la seconna, prospettà l’alterno. …

    Comment by Stefano — 8 Maggio 2020 @ 00:28
  2. Bello er sonetto e…….
    bello l’invito alla collaborazione !
    Complimenti Stefano!
    e…….Thanks God, It’s Friday!

    Comment by romano cb — 8 Maggio 2020 @ 09:52
  3. Lo sappiamo tutti che l’Italia fin dalla fine dell’Impero Romano, che bene o male teneva tutti uniti, è un paese diviso (e lo cantiamo pure ne l’inno nazionale): pertanto ognuno dice la sua, cioè quella che fa più comodo, infischiandosene di tutto il resto!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 8 Maggio 2020 @ 11:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>