Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Maggio 2020

Voce fòri coro

Voce fòri coro

***

Sarò ‘no scemo ch’è fòri dar monno,

pe me riaprì così un po’ tutto quanto,

me pare un po’ affrettato e pure arquanto,

sarà paura, embè? … Nun lo nasconno.

***

Ma er virus gira ancora e pure tanto

e me domanno, ma nun me risponno,

si poi sta fase due nun è che in fonno

un aprì tutto pe zittì quer canto …

***

… de le sirene de chi cià interessi

che vargheno deppiù der grosso rischio

che tutto aricominci co li stessi …

***

… contaggi e contaggiati e co l’immischio

de casi, de ‘ntubbati e de decessi …

che dice: “io riapro e me ne infischio”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Sarò ‘no scemo ch’è fòri dar monno,
    pe me riaprì così un po’ tutto quanto,
    me pare un po’ affrettato e pure arquanto,
    sarà paura, embè? … Nun lo nasconno. …

    Comment by Stefano — 11 Maggio 2020 @ 05:09
  2. Stefano,…..pienamente d’accordo!

    Comment by romano cb — 11 Maggio 2020 @ 15:06

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>