Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

30 Giugno 2020

Senza certezze

Senza certezze

***

Nun se capisce più a chi dà retta,

ce sò arcuni medici e scenziati,

 che a paroloni e in più, mostranno dati,

ce dicheno ch’er virus è robbetta …

***

… che cià li giorni ormai che sò contati,

poi c’è l’OMS che s’affretta

a dì ch’er peggio ancora se l’aspetta,

nun è finita e tocca stà allertati.

***

Sin da l’inizzio de la pandemia,

nun c’è unanimità de posizzioni,

intorno a che sarà ‘sta malatia.

***

Se fanno quinni solo previsioni,

senza certezze, ma da lotteria,

cor monno che se rompe li … pormoni.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Nun se capisce più a chi dà retta,
    ce sò arcuni medici e scenziati,
    che a paroloni e in più, mostranno dati,
    ce dicheno ch’er virus è robbetta …

    Comment by Stefano — 30 Giugno 2020 @ 04:40
  2. C’è sicuramente qualcuno che ci lucra sia in un senso che nell’altro! Lo sappiamo bene che il mondo va così: tocca, comunque stare attenti!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 30 Giugno 2020 @ 13:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>