Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Luglio 2020

Sant’Ignazzio de Loyola

Sant’Ignazzio de Loyola

***

È er dì de sant’Ignazzio de Loyola,

ch’ebbe la Grazzia de intravede Dio,

dentro ‘gni cosa ar monno e ner suo io

scritta ner còre in fonno la Parola.

***

Riconosceva in tutto l’èsse fìo,

creato da Dio Padre pe fà scòla,

co l’omo e la natura, cosa sola,

Presenza viva der Signore Iddio.

***

Sin dar comincio primo de l’inizzi,

studiò come trasmette la Preghiera,

che poi tradusse in tutti l’Esercizzi.

***

E de Gesù fonnò la Compagnia,

co intento de abbraccià la Vita Vera,

der Fìo de Dio, ch’è nato da Maria.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. È er dì de sant’Ignazzio de Loyola,
    ch’ebbe la Grazzia de intravede Dio,
    dentro ‘gni cosa ar monno e ner suo io
    scritta ner còre in fonno la Parola.

    Comment by Stefano — 31 Luglio 2020 @ 05:58
  2. E’ stato il grande protagonista della Riforma cattolica. Avviato alla vita del cavaliere, la sua conversione avvenne grazie alla lettura di libri cristiani durante una convalescenza: si spogliò degli abiti di cavaliere e fece voto di castità perpetua.
    Buona giornata.

    Comment by letizia — 31 Luglio 2020 @ 10:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>