Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Agosto 2020

A chi violenta o ammazza un regazzino

A chi violenta o ammazza un regazzino

***

A chi violenta o ammazza un regazzino,

nun je darebbe manco l’avvocato,

né un processo ‘ndov’èsse imputato,

ma solo ‘na condanna e un aguzzino …

**

… che lentamente … in base ar suo reato,

fa a quer bastardo, cento vorte inzino,

quer che j’ha fatto lui a quer coricino, 

ma in modo più crudele e più efferato.

***

Ché nun se pò permette resti ar monno,

a respirà un soggetto come quello,

che ammazza un pupo o je violenta er sonno.

***

So’ esaggerato? Si quer bimbo bello

fusse mi’ fìo …  lo zozzo io lo sfonno,

e prego Dio de nun damme un cortello.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. A chi violenta o ammazza un regazzino,
    nun je darebbe manco l’avvocato,
    né un processo ‘ndov’èsse imputato,
    ma solo ‘na condanna e un aguzzino …

    Comment by Stefano — 20 Agosto 2020 @ 06:47
  2. E’ il delitto più efferato quello nei confronti di un piccolo indifeso, così raccapricciante che il colpevole perde ogni dignità e non merita nessuna pietà umana.
    Se pure qualche abominevole malvivente riesce a sfuggire alla giustizia terrena, non potrà mai evitare quella divina, l’unica forma perfetta di giustizia poiché anche il ricco e il potente non avranno più ricchezze né potere dietro cui nascondersi.

    Comment by Silvio — 20 Agosto 2020 @ 11:03
  3. Un mostro del genere non è degno di stare al mondo deve essere impiccato senza processo e senza giustificazioni! E non dico altro.

    Comment by letizia — 20 Agosto 2020 @ 12:02

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>