Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

30 Settembre 2020

L’assasinio de Eleonora e Daniele

L’assassinio de Eleonora e Daniele

***

L’ha uccisi perché ereno felici,

co ‘sta freddezza lui l’ha dichiarato,

ner senzo che l’invidia j’ha bruciato

quer mozzo de cervello a le radici.

***

Così de botto in casa j’è ‘mboccato,

a quelli che poi ereno l’amici

la rabbia e la violenza direttrici,

nun cià più visto gnente e ha ammazzato.

***

Ce dicheno poi arcuni conoscenti,

che ‘sto soggetto è un bravo regazzo,

che nun sanno spiegasse li moventi.

***

“Vò diventà infermiere, se fa un mazzo …”

ma intanto ‘sti du’ pòri innocenti

mó nun ce stanno più … teste de ca… !!!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. L’ha uccisi perché ereno felici,
    co ‘sta freddezza lui l’ha dichiarato,
    ner senzo che l’invidia j’ha bruciato
    quer mozzo de cervello a le radici.

    Comment by Stefano — 30 Settembre 2020 @ 06:20
  2. L’invidia e la follia umana superano ogni fantasia e immaginazione!

    Comment by Silvio — 30 Settembre 2020 @ 09:51
  3. La “brava persona” che ha fatto questo scempio dovrebbe essere internata per il resto della sua vita perché è completamente fuori di testa.

    Comment by letizia — 30 Settembre 2020 @ 10:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>