Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

12 Ottobre 2020

Ma quale fantasia ?!?

Ma quale fantasia ?!?

***

È giusto certo nun creà terore,

parlanno sempre de ‘sta pandemia,

de morti, contaggiati e malatia,

de terapie intenzive e de dolore.

***

Ma artro è negà l’epidemia,

pe dì ch’è tutto finto e fà l’attore,

che senza mascherina, né pudore,

va pure in piazza a dì ch’è fantasia.

***

Ma quale fantasia ?!? Te sei scordato 

li camion che portaveno le bare,

ché er cimitero nun era bastato ?!?

***

E chi ha perduto le perzone care,

e chi ancora adesso sta intubbato,

… e nun le dì più ‘ste cazzate amare.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. È giusto certo nun creà terore,
    parlanno sempre de ‘sta pandemia,
    de morti, contaggiati e malatia,
    de terapie intenzive e de dolore.

    Comment by Stefano — 12 Ottobre 2020 @ 05:39
  2. Nessuno dimentica i migliaia di morti in primavera. Il dato oggettivo fa rilevare che oggi fortunatamente muore molta meno gente di allora, quando si contavano centinaia di decessi al giorno.

    Comment by Silvio — 12 Ottobre 2020 @ 10:24
  3. A leggere e sentire le notizie sul virus chi dice una cosa e chi ne dice un’altra! Meno male che dove abito io stanno tutti bene me compresa!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 Ottobre 2020 @ 12:19

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>