Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

26 Ottobre 2020

Misure anti-covid

Misure anti-covid

***

Nun vojo contestà, anzi so’ er primo

che riconosce che ‘sta pandemia,

è dura da gestì, tra economia

salute da difenne … e nun m’esprimo.

***

‘Na cosa vojo dilla, dì la mia,

oggetto de la cosa che ve rimo,

perché chiude chi è in regola, e lo stimo,

co leggi e norme? Nun è mai la via.

***

Perché serrà palestre e ristoranti,

ch’hanno disposto bene ‘gni misura

de iggiene, sicurezza e stà distanti?

***

Fai chiude chi se sbraca e nun se cura

de li contaggi pe contà contanti,

ma a l’artri nun je strigne la cintura.

**

Smart working pe chi pò e scòle avanti

co la didattica ben più sicura,

misure da pià, in pochi istanti.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Nun vojo contestà, anzi so’ er primo
    che riconosce che ‘sta pandemia,
    è dura da gestì, tra economia
    salute da difenne … e nun m’esprimo.

    Comment by Stefano — 26 Ottobre 2020 @ 07:22
  2. Le misure impopolari scontentano tutti. Capisco gli esercizi virtuosi che hanno rispettato sempre le regole ma un provvedimento di carattere nazionale e generale non può distinguere le mele marce dalle sane, dovrebbero farlo le autorità locali. Purtroppo il nostro paese ha un’alta densità abitativa, non brilla per organizzazione ed è tendenzialmente refrattario alle regole…

    Comment by Silvio — 26 Ottobre 2020 @ 10:38
  3. Chiudono palestre, ristoranti, piscine, ecc.ecc., ma gli autobus e le metro strapieni? Abbiamo un “governo” di imbecilli deficienti!
    Per quanto sia possibile, Buona Giornata.

    Comment by letizia — 26 Ottobre 2020 @ 13:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>