Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Novembre 2020

Ciao Giggi

Ciao Giggi

***

Ma che se fa così, senza dì gnente?

Che prenni e te ne vai, manco un saluto…

Er tempo de capì … e in un minuto,

ce lassi soli a piagne solamente.

***

Tu che ciài fatto ride pure muto,

er mejo mattatore veramente,

artista de grannezza sorprennente,

che tutt’er monno t’ha riconosciuto.

***

Già te ne vai così, tu che de Roma,

hai riccontato gioie e anche magagne,

ner mejo modo, quello de ‘st’idioma.

***

Fàcce ‘na mandrakata, daje Giggi,

nun ce lassà così che stamo a piagne,

e piagne ‘sta città, che perde effiggi.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Ma che se fa così, senza dì gnente?
    Che prenni e te ne vai, manco un saluto…
    Er tempo de capì … e in un minuto,
    ce lassi soli a piagne solamente.

    Comment by Stefano — 2 Novembre 2020 @ 08:12
  2. Bellissimo sonetto, grazie Stefano per dare voce ad un sentimento condiviso da tutti

    Comment by Pablo BigHorn — 2 Novembre 2020 @ 11:18
  3. Bongiorno. Ecco! Giggi n’ha fatta ‘n’antra delle sue: se n’è ito alla chetichella ner giorno der siuo compleanno; così, all’improvviso lascianno un gran senso de tristezza e propio ner giorno che s’aricordeno li defunti. T’aricorderemo pe sempre, assieme a tant’artri che, come te, ci hanno aiutato a lasciare dietro le spalle, con una risata, giornate nere! Ciao Giggi, che loa terra ti sia lieve!

    Comment by 'svardo — 2 Novembre 2020 @ 12:24
  4. Che dire: avevo letto che non stava bene, ma non credevo che fosse così malato! E’ come se all’improvviso avessi perso un carissimo amico! Ciao Gigi sei sempre vivo per me! Riposa in Pace.

    Comment by letizia — 2 Novembre 2020 @ 12:50
  5. Ciao Gigi,

    Tutta la vita e’ stata ‘na battuta,
    tutta la vita ci hai lasciato cor sorriso;
    Adesso te poi veramente sbizzarri’,
    a fa’ le tue battute ….. in Paradiso !

    Oggi, cercamo de nun piagne
    mentre che te damo l’urtimo saluto;
    nun te scorderemo mai,
    sei stato “Er Mejo” ……. in assoluto!!

    Comment by romano cb — 2 Novembre 2020 @ 14:05
  6. Per quelli della mia generazione Gigi Proietti è stato un padre della romanità, come Alberto Sordi. Ciao maestro!

    Comment by Silvio — 2 Novembre 2020 @ 22:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>