Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Novembre 2020

“Zio” Giggi, come uno de famija

“Zio” Giggi, come uno de famija

***

Da ieri io me sento un po’ più solo,

come si fusse ito via ‘no zio,

de quelli a cui vòi bene e dije addio

dà già un dolore senza riconzolo.

***

E manco credo che sto solo io

a raggionà così, e me ne dòlo,

ner mentre Giggi ha preso quer suo volo,

che lo ariporta certo in bracci’ a Dio.

***

Ma qui però arimane ‘st’amarezza,

mist’ar soriso de quarche ricordo

che affiora qua e de là, come ‘na brezza.

***

“Zio” Giggi io de te mica me scordo,

nisuno scorderà quela carezza

che ciài saputo dà … bon viaggio … a bordo!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Da ieri io me sento un po’ più solo,
    come si fusse ito via ‘no zio,
    de quelli a cui vòi bene e dije addio
    dà già un dolore senza riconzolo.

    Comment by Stefano — 3 Novembre 2020 @ 08:48
  2. Un pezzo di noi e della nostra identità se n’è andato: avverto una sensazione di vuoto e di solitudine, quello che solo le persone care lasciano!

    Comment by Silvio — 3 Novembre 2020 @ 11:05
  3. Grazie Stefano e Silvio che giornalmente sapete esprimere cosi bene i sentimenti de noi romani. Oggi, co’ voi, me sento anch’io, lasciato……. un po’ orfano…….da “Zio” Giggi!!

    Comment by romano cb — 3 Novembre 2020 @ 12:03
  4. Ho una grande solitudine nel cuore: uno come Lui non lo rivedrò più! Ciao Zio Gigi R.I.P!

    Comment by letizia — 3 Novembre 2020 @ 13:14

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>