Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

18 Novembre 2020

Negazzionista

Negazzionista

***

Seconno la tua loggica e penziero,

“la tera è piatta” … certo … “e su la Luna

l’omo nun c’è mai ito” e peffortuna

che ce lo dici tu … allora è vero.

***

“E due più due fa tré” … senz’ombra arcuna,

“e quer che vedi bianco, invece è nero”,

e “l’olocausto è senza un cimitero,

de morte nun n’ha fatta manco una”.

***

Figurete … si questa è la tua lista,

che artro mai potevi penzà ora:

pure cor virus sei negazzionista.

***

“Un’influenza”, aripeti ancora,

te mannerebbe da un bravo analista:

“Nun ho negato mai”, diresti allora.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Seconno la tua loggica e penziero,
    “la tera è piatta” … certo … “e su la Luna
    l’omo nun c’è mai ito” e peffortuna
    che ce lo dici tu … allora è vero.

    Comment by Stefano — 18 Novembre 2020 @ 06:10
  2. Non dobbiamo lasciarci destabilizzare da chi nega evidenze scientifiche o storiche, né tantomeno dare loro troppa importanza e attenzione. Mai infatti uno scienziato perderebbe il suo prezioso tempo a convincere chi non è all’onesta ricerca alla verità. In tutta franchezza questi squilibrati meritano solo indifferenza da parte dei sani di mente!

    Comment by Silvio — 18 Novembre 2020 @ 10:52
  3. Bisogna sempre stare attenti e non sempre basta. Nonostante i tanti malati che stanno soffrendo, parecchi fortunati si infettano senza sintomatologia e questa credo che sia la cosa peggiore perché, senza saperlo infettano gli altri. Da questo virus non sarà ne presto, ne facile uscirne.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 18 Novembre 2020 @ 13:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>