Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Dicembre 2020

Er D.P.C.M. de Natale

Er D.P.C.M. de Natale

***

Ce semo ormai … se sente già er Natale,

ma nun pe stà co amichi e co parenti,

quest’è er Natale der dumilaevventi,

ché lo sai già ‘ndó pòi infilà er puntale.

***

Pe li contaggi, gnente assembramenti,

gnente cenoni … quarche commenzale,

sortanto quelli stretti e tal’e quale

a Capodanno famo parimenti.

***

De ‘st’argomenti s’occupa er Governo,

de Messa, co maiuscola la “emme”,

che spetterebbe più ar Padreterno.

***

Invece ne la Grotta de Betlemme,

er Fìo pò nasce ‘st’anno e pe ‘st’inverno,

si lo prevederà er D.P.C.M.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Ce semo ormai … se sente già er Natale,
    ma nun pe stà co amichi e co parenti,
    quest’è er Natale der dumilaevventi,
    ché lo sai già ‘ndó pòi infilà er puntale. …

    Comment by Stefano — 3 Dicembre 2020 @ 06:20
  2. Il 2020 è un anno bisesto e, quindi, funesto! Cosa altro accadrà lo sa solo Dio Onnipotente!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 3 Dicembre 2020 @ 12:31
  3. Ironia del sonetto a parte, purtroppo la popolazione del nostro paese è irresponsabile e immatura se riconosce prioritario “salvare” il Natale piuttosto che vite umane. Il Natale c’è ogni anno, si può rinunciare anche a riunirsi con la famiglia se il prezzo è quello della vita che è una sola. Non ci vuole una grande scienza per capirlo!

    Comment by Silvio — 3 Dicembre 2020 @ 13:23

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>