Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Dicembre 2020

24 dicembre 2020

24 dicembre 2020

***

E anche quest’anno, ch’è er 2020,

un attimo de un battito de cija,

e semo già ar giorno de Viggija,

pe vive ‘sto Natale più de stenti …

***

… senza cenoni e feste de famija,

senza l’amichi e senza li parenti,

sinnò ridotti, gnente assembramenti,

gnente caciara e gnente parapija.

***

Ma ‘sto silenzio faccia d’occasione,

pe arifrette in senzo generale,

ciascuno in de le propia abbitazzione …

***

… sur vero senzo d’oggi, ch’è speciale,

un Dio che se fa “noi”, vera raggione,

pe disse: “Auguri … grazzie … e bon Natale”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. E anche quest’anno, ch’è er 2020,
    un attimo de un battito de cija,
    e semo già ar giorno de Viggija,
    pe vive ‘sto Natale più de stenti …

    Comment by Stefano — 24 Dicembre 2020 @ 05:57
  2. Buon Santo Natale a tutti!
    Molto bello e vero il Pensiero del Giorno!

    Comment by letizia — 24 Dicembre 2020 @ 22:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>