Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Dicembre 2020

L’urtimo de l’anno

L’urtimo de l’anno

***

Me immaggino che l’urtimo de l’anno

sia com’er vecchio nonno e un nipotino

che je viè incontro … sogni da bambino

p’abbraccicasse in de ‘sto compreanno.

***

E penzo a quer poretto der nonnino

che cià solo ‘sto giorno su ‘sto scranno,

su cui se siede er piccolo a rimanno,

pe riccontaje tutto er suo cammino.

***

Spiegaje le staggioni eppoi li mesi,

de cresce fin’a quanno è primavera

e maturà d’estate e, a frutti presi, …

***

… conosce dopo autunno, quann’è sera,

e a un sorzo de l’inverno, appena appesi,

er piccolo che viè e dije com’era.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Me immaggino che l’urtimo de l’anno
    sia come er vecchio nonno e un nipotino
    che je viè incontro … sogni da bambino
    pe abbraccicasse in de ‘sto compreanno. …

    Comment by Stefano — 31 Dicembre 2020 @ 07:12
  2. Grazie Stefano per questa Poesia bella e malinconica: c’è sempre qualcuno che muore (l’anno vecchio), ma c’è anche la speranza di qualcuno che nasce! Auguro a tutti un anno meraviglioso che possa rendere veri i nostri sogni!
    Tanti AUGURI con tutto il cuore e
    Buona Giornata!

    Comment by letizia — 31 Dicembre 2020 @ 13:19

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>