Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

16 Gennaio 2021

‘Na donna ar volante

‘Na donna ar volante

***

Penzà a chi j’ha dato la patente,

me fa sperà ner cambio de nazzione:

chi guida come lei è da priggione,

artro che scarozzà alegramente.

***

La sua nun è ’na semprice infrazzione:

der codice stradale qui viggente,

in un momento, come fusse gnente,

cià fatto er foco bono p’er carbone.

***

Vabbè passà la riga in mezzeria,

ma pe ’nchiodà ner centro de l’incrocio

e fà ’na U, ce vole maestria.

***

Ar coro de proteste, io m’associo:

“Si guida lei è mejo scappà via,

una così nun pò che fà un infrocio”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Penzà a chi j’ha dato la patente,
    me fa sperà ner cambio de nazzione:
    chi guida come lei è da priggione,
    artro che scarozzà alegramente.

    Comment by Stefano — 16 Gennaio 2021 @ 11:54
  2. Forse non è da tutti, ma una mia amica guida meglio di Hamilton! Certo, a volte ti mette paura per quanto corre, però non ha mai avuto un incidente!

    Comment by letizia — 16 Gennaio 2021 @ 16:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>