Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

22 Gennaio 2021

Er dilemma der bucale

Er dilemma der bucale

***

Da sempre vive un dramma esistenziale,

che è un continuo e lento andirivieni:

si ce l’hai vòto, tocca che lo ’mpieni,

si l’hai riempito, s’arisvota uguale.

***

Circuito che collega gola e reni,

se pò chiamà “dilemma der bucale”,

che quann’è vòto te se sente male,

ma pieno nun sa stà, ché nun lo freni.

***

E ’st’artalena ar vetro a ’ste magnere,

succede solo si tracanni er vino,

co l’acqua nun ce sò ’ste tiri-tere.

***

Ma bada che si segui ’sto trenino,

de riempi-e-svota-e-riempi quer bicchiere,

te “beveno” ar test der palloncino.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Da sempre vive un dramma esistenziale,
    che è un continuo e lento andirivieni:
    si ce l’hai vòto, tocca che lo ’mpieni,
    si l’hai riempito, s’arisvota uguale.

    Comment by Stefano — 21 Gennaio 2021 @ 18:31
  2. Ahh ora ho finalmente la spiegazione al fatto che il mio bicchiere di vino ho sempre l’impressione che sia bucato…

    Comment by Silvio — 22 Gennaio 2021 @ 09:34
  3. Il nostro amato Gigi ce l’aveva detto che
    Er tranquillante nostro
    è solo er vino zumpappà
    Che scende alegro giù per gargarozzo zumpappà
    E puro si sei nero
    Peggio de un bagherozzo
    Diventi rosa e nun ce penzi più…
    Pertanto, W il vino, che fa dimenticare le cose brutte della vita! e se il bicchiere è bucato, attacchiamoci direttamente alla bottiglia!
    Peccato, però che io sia astemia, mi perdo il meglio!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 22 Gennaio 2021 @ 11:45

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>