Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

23 Gennaio 2021

La presa de coscenza

La presa de coscenza

***

Ma che te guardi de prima matina?

E spiegame, de grazzia, chi saresti?

Eppoi che vonno dì tutti ’sti gesti?

Me metti ’na scacagna ballerina!

***

De faccia pare ciài ducento aresti,

nemmanco fussi un mezzo Totò Riina,

la barba lunga e li capelli a spina,

l’occhi abborzati, scarcagnati e pesti.

***

Pe datte un bricioletto de decenza,

te do un conzijo, si me presti orecchio:

da un estetista pìa la residenza.

***

Ar posto tuo m’ero buttato ar secchio,

me tocca d’annà via, ché ciò un’urgenza,

tu che te segui, ahó ?!? … Ma sei ’no specchio.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Ma che te guardi de prima matina?
    E spiegame, de grazzia, chi saresti?
    Eppoi che vonno dì tutti ’sti gesti?
    Me metti ’na scacagna ballerina!

    Comment by Stefano — 23 Gennaio 2021 @ 06:40
  2. La prima volta che la mia gattina s’è vista in uno specchio gli ha dato una soffiata ed è scappata! Grande risata da parte nostra!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 23 Gennaio 2021 @ 16:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>