Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

2 Marzo 2021

La Tivvù

La Tivvù

***

Me metto in cerca de quarche canale,

che possa sfizzicamme pe mezz’ora,

nun ce n’è manco uno che me sfiora

e dì che ciò ’na scerta eccezzionale.

***

Me pare com’er vaso de Pandora,

satellite, terestre, diggitale,

nun trovo propio gnente de speciale,

e questo un po’ me puzza e un po’ m’accora.

***

So’ certamente io cacazzibbetto,

sicuramente me sto a fà vecchio,

ma pure ’sta tivvù è un gabbinetto.

***

Così che m’ariguardo ne lo specchio,

smorzo ’sta robba, poi me ’nfilo a letto,

saluto tutti e bonanotte ar secchio.

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. Me metto in cerca de quarche canale,
    che possa sfizzicamme pe mezz’ora,
    nun ce n’è manco uno che me sfiora
    e dì che ciò ’na scerta eccezzionale. …

    Comment by Stefano — 2 Marzo 2021 @ 03:07
  2. La TV è sempre stata un’arma a doppio taglio. Sta a noi decidere se goderci programmi di cultura, di storia, educativi e formativi, oppure programmi spazzatura di pettegolezzi e risse verbali che non insegnano nulla. Per fortuna il telecomando ce l’abbiamo noi!

    Comment by Silvio — 2 Marzo 2021 @ 09:32
  3. Peccato che la raitv racconta solo bugie e pettegolezzi! Ma ci sono anche programmi sfiziosi e intelligenti, basta cercarli!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 2 Marzo 2021 @ 10:56
  4. Credo che quella d’esse in controllo cor telecomando e’ ormai un’illusione. L’utente non ha nessun controllo sui programmi spazzatura che so’ sempre di piu’ e nessun controllo sulla tanta pubblicità’ che spesso te fa’ scorda’ quale programma stavi seguendo.

    Comment by romano cb — 2 Marzo 2021 @ 11:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>