Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

10 Marzo 2021

Er sonno mio

Er sonno mio

***

Er sonno mio è più narcolessia,

nun è solo un sentore de cecagna,

l’occhio ch’è apparpebbrato già se lagna,

pe cercà un letto, quale, purchessia.

***

E la capoccia è un sercio de montagna,

barcolla pur in faccia a chicchessia,

so’ nato omo, mica so’ messia,

quanno me pìa er sonno, me se magna.

***

Nun c’è rimedio, né arternativa,

me devo mette in giù p’orizzontale,

cor monno che me cambia prospettiva.

***

Ma in quela posizzione naturale,

si nun ciavrò chissà che inizziativa,

de certo nun potrò mai fà der male…

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Er sonno mio è più narcolessia,
    nun è solo un sentore de cecagna,
    l’occhio ch’è apparpebbrato già se lagna,
    pe cercà un letto, quale, purchessia. …

    Comment by Stefano — 10 Marzo 2021 @ 00:44
  2. Ineccepibile la chiosa finale: quando si dorme non si fanno danni, né soprattutto si fa male a nessuno!

    Comment by Silvio — 10 Marzo 2021 @ 08:26
  3. Bellissimo! Buon sonno e…
    Buona giornata!

    Comment by letizia — 10 Marzo 2021 @ 13:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>