Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

17 Marzo 2021

A Te, Maria

A Te, Maria

***

Co l’occhi dorci e er còre de ’na mamma,

ciài quer soriso ch’arisprenne e dona

a ’gni tu’ fio ’na carezzuccia bona,

pe quanno che succede un quarche dramma.

***

La Tua presenza che nun abbandona,

retta da Amore, de cui sei la fiamma,

sta lì a braccia aperte cor programma

de Grazzie e Doni chiesti a Chi perdona.

***

Immacolata Tu, sott’a quer velo,

l’azzuro intorno e cinta da le stelle,

a ’ncoronatte inzù, tra tutto er Celo.

***

A madri, fìe, nonne, zie e sorelle,

rigalaje un’anticchia der Tuo zelo,

pe fà le donne ar monno ancor più belle.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Co l’occhi dorci e er còre de ’na mamma,
    ciài quer soriso ch’arisprenne e dona
    a ’gni tu’ fio ’na carezzuccia bona,
    pe quanno che succede un quarche dramma.

    Comment by Stefano — 17 Marzo 2021 @ 05:14
  2. Splendida preghiera ricca di devozione e tenerezza. Bravo Stefano!

    Comment by Silvio — 17 Marzo 2021 @ 09:04
  3. Bellissima e dolce orazione dedicata alla Vergine Maria! Invochiamo e preghiamo la Madre di Dio affinché ci protegga sempre.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 17 Marzo 2021 @ 12:46
  4. Letizia e Silvio, grazie.

    Comment by Stefano — 17 Marzo 2021 @ 15:38

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>