Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

20 Marzo 2021

Primavera

Primavera

***

Ariva guasi che nun te n’accorgi,

ma in un momento l’arberi pittura:

ar griggio scuro de corteccia dura,

je passa er verde lucido che scorgi.

***

E s’addorcisce la temperatura,

presta l’orecchio e l’occhio j’arivorgi,

t’affacci, basta solo che te sporgi,

è un quadro che pìa vita la Natura.

***

La prima pennellata viè de Marzo,

Aprile ritinteggia er paesaggio,

e ’gni colore ar campo è come sparzo.

***

L’ucelli in celo dicheno ch’è Maggio,

la frutta riempie tavole de sfarzo,

er sole manna a Giugno er mejo raggio.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Ariva guasi che nun te n’accorgi,
    ma in un momento l’arberi pittura:
    ar griggio scuro de corteccia dura,
    je passa er verde lucido che scorgi.

    Comment by Stefano — 20 Marzo 2021 @ 07:23
  2. Ormai di primavere ne ho vissute tante, ma ogni volta quella presente è sempre la più dolce e meravigliosa! Davanti alla mia finestra c’è un alberello che improvvisamente, come per miracolo, si è riempito di fiori bianchi!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 20 Marzo 2021 @ 11:17
  3. Auguri a tutti…….di potersi godere, ancora tante meravigliose Primavere!

    Comment by romano cb — 20 Marzo 2021 @ 15:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>