Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

23 Marzo 2021

Er Tevere

Er Tevere

***

’Gni giorno che te ’ncrocio de passaggio,

te guardo come fussi mi’ fratello,

pe un attimo, quann’esco dar bordello,

me pare de tuffamme ner miraggio …

***

… ’ndó ce sto io che sargo sur battello,

che guasi me salassa cor pedaggio,

e lento lento ammiro er paesaggio,

de Roma nostra vista dar più bello.

***

Tant’anni fa t’hanno chiamato “bionno”,

pe via de li rifressi color oro,

de brillantina d’acqua fin’ar fonno.

***

Ma oggi li “sapienti” der decoro,

t’hanno cambiato ponti, tinte e sfonno,

pe l’anima de li mortacci loro.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. ’Gni giorno che te ’ncrocio de passaggio,
    te guardo come fussi mi’ fratello,
    pe un attimo, quann’esco dar bordello,
    me pare de tuffamme ner miraggio …

    Comment by Stefano — 23 Marzo 2021 @ 07:04
  2. Eppure con una riconversione ecologica sostenibile, oggi teoricamente possibile grazie alla tecnologia, un giorno si potrà tornare a farsi il bagno nel nostro fiume.
    La Roma deve provare ad andare fino in fondo in Europa, è ormai l’unico modo per salvare la stagione!

    Comment by Silvio — 23 Marzo 2021 @ 10:48
  3. Bellissimo sonetto in onore del Biondo Tevere! Mr OK si tuffava nel Tevere alla mezzanotte del 31 dicembre, quelli erano bei tempi ormai passati!

    Per EL sempre FORZA ROMA, anche se penso che una vittoria con l’aiax sia solo un pio sogno!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 23 Marzo 2021 @ 12:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>