Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

26 Marzo 2021

L’arba

L’arba

***

’No squarcio, tutt’a un tratto, taja er nero,

che move dar profonno de l’oriente,

come un bajore d’attimo fuggente,

che torna sempre a disegnà mistero.

***

S’azzitta er monno e nun se sente gnente,

aspetta de vedé si è propio vero,

che quela luce poi nun è un cero,

ma primo raggio der sole nascente.

***

E in quer momento, eterno finché dura,

un’aura rosa tigne tutt’attorno,

che sveja er celo e in tera ’gni cratura.

***

S’accenne er monno, pronto p’er ritorno,

a comprà vita da Madre Natura,

co l’arba nova de un novo giorno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. ’No squarcio, tutt’a un tratto, taja er nero,
    che move dar profonno de l’oriente,
    come un bajore d’attimo fuggente,
    che torna sempre a disegnà mistero. …

    Comment by Stefano — 26 Marzo 2021 @ 02:42
  2. Straordinaria composizione a celebrare il miracolo quotidiano della luce del nuovo giorno che squarcia il buio, pennellate di poesia a narrare Madre Natura che rinnova eternamente nell’alba rosata il mistero della Creazione!

    Comment by Silvio — 26 Marzo 2021 @ 09:23
  3. Straordinaria la composizione ed appropriato il commento!
    Un piacere leggervi!

    Comment by romano cb — 26 Marzo 2021 @ 11:27
  4. L’alba ha una sua misteriosa grandezza che si compone d’un residuo di sogno e d’un principio di pensiero.
    (Victor Hugo)

    Comment by letizia — 26 Marzo 2021 @ 13:20

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>