Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Marzo 2021

Dar Vangelo der giorno: “entrata in Gerusalemme”

Dar Vangelo der giorno: “entrata in Gerusalemme”

***

Fu osannato, entrò in Gerusalemme,

in sopr’a a un asinello co la folla,

che tutta quanta intorno, tipo colla,

lo esartava come Re co gemme …

***

… la stessa gente che dopo lo molla,

a quer tre vorte Santo de Betlemme,

da Maestà co gigantesca “emme”,

a omo d’ammazzà, ché tutto crolla.

***

Un asino l’aveva riscallato,

in de la Grotta quela notte Santa,

un asino quer dì l’ha accompagnato.

***

L’osanna de la gente che se vanta,

d’avello conosciuto e incontrato,

che poi lo mette in croce e là lo pianta.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Fu osannato, entrò in Gerusalemme,
    in sopr’a a un asinello co la folla,
    che tutta quanta intorno, tipo colla,
    lo esartava come Re co gemme …

    Comment by Stefano — 28 Marzo 2021 @ 06:27
  2. Gesù, sorgente di ogni misericordia, nella sua infinita bontà ha pianto sulla nostra miseria! e noi non solo non lo ringraziamo mai abbastanza, ma continuiamo a tradirlo!
    Buona e Santa Domenica delle Palme.

    Comment by letizia — 28 Marzo 2021 @ 13:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>