Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 Aprile 2021

Er Paperaro

Er Paperaro

***

De fronte a me ce vive “er Paperaro”.

Nun è ’no scherzo mica, è tutto vero:

’sto mezzo matto, pe nun dì ch’è intero,

convive co du’ papere ar riparo.

***

Ma si ’sto fojo bianco sfumo nero,

nun è p’ariccontà ’sto fatto raro,

è più p’evidenzià che l’ucellaro,

pe l’artri cià er rispetto sotto zero.

***

Le papere “quaqquà” da ’nzotto ar tetto,

nun sò du’ cani che li porti in giro,

pe li bisogni e torni indentr’ar letto.

***

Perciò lui s’è ’nventato ’sto raggiro:

d’usà er terazzo come gabbinetto,

scacarazzanno chi je viè a tiro.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. De fronte a me ce vive “er Paperaro”.
    Nun è ’no scherzo mica, è tutto vero:
    ’sto mezzo matto, pe nun dì ch’è intero,
    convive co du’ papere ar riparo. …

    Comment by Stefano — 6 Aprile 2021 @ 06:35
  2. Anche tanti padroni di cani spesso non rispettano le basilari regole di convivenza civile quanto ai bisogni dei loro animali

    Comment by Silvio — 6 Aprile 2021 @ 08:23
  3. Stefano, ma davvero tu conosci un tizio che vive dentro casa con due papere?! Mi sembra impossibile: la sua casa sarà piena di immondizia!

    Comment by letizia — 6 Aprile 2021 @ 11:38
  4. Letizia, ebbene sì… Che ti devo dire? Il mondo è bello perché è vario…

    Comment by Stefano — 6 Aprile 2021 @ 14:05

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>