Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

24 Aprile 2021

Er re de le sette note

Er re de le sette note

***

Un giorno un omo domannò cortese:

“Tu sai chi è er mago de le sette note?”

E l’artro, co le mano su le gote,

ce penzò su, ma nulla je s’accese.

***

Provò co le risposte più remote,

fin quann’er primo tronfio l’ariprese:

“Mó te lo dico io – l’artro s’arese –

È er farzario: segna e fanne dote”.

***

Ma er seconno, contestò dubbioso:

“Me stai a cojonà, caro compare?

Perché er farzario? Dimme … sò curioso”.

***

E er primo, co un soriso circolare,

je disse: “Er farzario è melodioso,

perché …se sa … FA  SOL-DO  SI-MI-LA-RE”.

***

Stefano Agostino

___________________

***

  1. Un giorno un omo domannò cortese:
    “Tu sai chi è er mago de le sette note?”
    E l’artro, co le mano su le gote,
    ce penzò su, ma nulla je s’accese.

    Comment by Stefano — 24 Aprile 2021 @ 07:19
  2. Ciao Stefano, ma questa cosa l’hai inventata tu o l’hai letta? E’ troppo carina, me la rivendo subito!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 24 Aprile 2021 @ 11:44
  3. Cara Letizia, grazie per rivendertela e per i complimenti. Sì è mia.

    Comment by Stefano — 25 Aprile 2021 @ 06:59
  4. Stefano, sei un grande! A te e famiglia, auguro una Buona Domenica!

    Comment by letizia — 25 Aprile 2021 @ 11:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>