Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

1 Maggio 2021

Festa der lavoro

Festa der lavoro

***

È er primo maggio: festa der lavoro,

de chi tribbola e sgobba tutto l’anno,

de chi se suda er posto co l’affanno,

pe un po’ de pane e un sorzo de decoro.

***

Ma tanti ch’er lavoro nun ce l’hanno,

o sò pagati in nero o de straforo,

li penzionati, no a penzioni d’oro,

a festeggià, de certo, nun ce vanno.

***

A Roma è er giorno der granne concerto,

a San Giovanni o fava e pecorino,

pe chi se fa ’na gita a lo scoperto.

***

Volesse er Padrone der destino,

donà a tutti un lavoro certo,

come fa sorge er sole der matino.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. È er primo maggio: festa der lavoro,
    de chi tribbola e sgobba tutto l’anno,
    de chi se suda er posto co l’affanno,
    pe un po’ de pane e un sorzo de decoro.

    Comment by Stefano — 1 Maggio 2021 @ 07:29
  2. Una bella Poesia! la seconda terzina è magnifica! Buon Festa del lavoro a tutti coloro che tutti i giorni sgobbano a casa, in ufficio e in altri luoghi!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 1 Maggio 2021 @ 13:31

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>