Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

2 Maggio 2021

Dar Vangelo der giorno: “la vite e li trarci”

Dar Vangelo der giorno: “la vite e li trarci”

***

“Io so’ la vite e voi li trarci tesi”,

così a li discepoli je disse,

“stampateve ’ste Mie parole fisse:

dovete da dà frutti e frutti resi.

***

Un trarcio che nun cià rese prefisse,

viè senza tanti giri sottintesi,

tajato via si, passeno li mesi,

e nun produce eppoi, famo a capisse, …

***

… si rimanete in Me portate frutto,

e ve se pota come a ’gni ramo,

perché rènna deppiù e quest’è tutto.

***

Si rimanete in Me, Io che ve amo,

nisuno fra de voi verà distrutto,

chiedete e ciavrete ar Mio richiamo”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. “Io so’ la vite e voi li trarci tesi”,
    così a li discepoli je disse,
    “stampateve ’ste Mie parole fisse:
    dovete da dà frutti e frutti resi. …

    Comment by Stefano — 2 Maggio 2021 @ 07:44
  2. Gesù è la vite e noi siamo i tralci! se rimarremo in LUI avremo un Vino che ci darà la Vita Eterna!
    Buona Domenica.

    Comment by letizia — 2 Maggio 2021 @ 14:21

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>