Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

9 Maggio 2021

Mamma

Mamma

***

Ce n’ha bisogno pure er Sor Iddio,

de l’occhi dorci e er còre de ’na mamma,

dà ’na carezza pe ’gni fotogramma,

si n’abbisogna Lui, penza un po’ io.

***

Sarò mammone, nun me pare un dramma,

e si è un probbrema, è un probbrema mio,

nun ce sò scòle su com’èsse fìo,

né libbri da studià co ’sto programma.

***

Da quanno m’ha ospitato ner pancione,

nun m’ha lassato mai, manco un seconno,

senza legamme a lei, come in priggione.

***

Quello che intenno è tanto più profonno,

sta ner soriso giusto a ’gni occasione,

quanno sto in cima e quanno in culo ar monno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Ce n’ha bisogno pure er Sor Iddio,
    de l’occhi dorci e er còre de ’na mamma,
    dà ’na carezza pe ’gni fotogramma,
    si n’abbisogna Lui, penza un po’ io.

    Comment by Stefano — 9 Maggio 2021 @ 05:48
  2. Bella! Tanti Auguri a tutte le Mamme!
    Buona Domenica!

    Comment by letizia — 9 Maggio 2021 @ 11:59
  3. Dio alle Mamme da’…….quarcosa de piu’!
    Alle Mamme…….Complimenti e Auguri!

    Comment by romano cb — 9 Maggio 2021 @ 16:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>