Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

11 Maggio 2021

L’amico pescatore

L’amico pescatore

***

Me parli come parla er pescatore,

quann’aricconta la sortita a pesca,

de com’ha preparato l’amo e l’esca,

der pesce preso a chili in un par d’ore.

***

E come fu pe Paolo e Francesca,

annati a l’artro monno pe un amore,

a lègge Lancillotto e de l’autore,

me perdo pe dà retta a ’gni tua fresca.

***

Nun è che trovi sempre chi se sfonna

de frottole che spari ’gni momento,

come ’sto scemo qui che t’asseconna.

***

Ariverà un ber giorno, me lo sento,

che cercherai tu chi te corisponna,

ma l’unico sarà sortanto er vento!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Me parli come parla er pescatore,
    quann’aricconta la sortita a pesca,
    de com’ha preparato l’amo e l’esca,
    der pesce preso a chili in un par d’ore. …

    Comment by Stefano — 11 Maggio 2021 @ 23:21
  2. Il mondo è pieno di cazzari! E’ questa la sintesi del sonetto di oggi e anche del mondo reale nel quale le parole dilatano così tanto la verità sconfinando in menzogna

    Comment by Silvio — 12 Maggio 2021 @ 08:52
  3. C’è gente che racconta certe sbruffonate, alle quali sicuramente non credono neanche loro che le sparano! Ma forse noi italiani siamo il popolo più bugiardo e credulone del mondo? Se diamo retta ai TG, che giornalmente ci propinano fandonie….!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 Maggio 2021 @ 11:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>