Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

18 Maggio 2021

Trinità de Monti

Trinità de Monti

***

Sortanto ’sta città pò mette in mostra,

la scalinata a Trinità de Monti,

nun ve sforzate manco co li conti,

ché tanto v’esce solo Roma nostra.

***

In cima già se vedeno tramonti,

che manco sopr’ar pizzo de ’na giostra,

scorci de vita che, co bontà vostra,

s’abbraccicano ’nzieme a l’orizzonti.

***

Se ’mpediluvia da Piazza de Spagna,

’ndó sboccheno Condotti e via Frattina,

co la Barcaccia ar centro che la bagna.

***

Ma lo pò fà sortanto de matina,

fin’a che l’arba dorce l’accompagna,

e lei se mostra come in cartolina.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Sortanto ’sta città pò mette in mostra,
    la scalinata a Trinità de Monti,
    nun ve sforzate manco co li conti,
    ché tanto v’esce solo Roma nostra.

    Comment by Stefano — 18 Maggio 2021 @ 03:21
  2. La bellezza di Roma nostra parla in silenzio perché non ha bisogno di parole che la descrivono!

    Comment by Silvio — 18 Maggio 2021 @ 08:56
  3. Meravigliosa Trinità dei Monti! ce l’abbiamo solo noi!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 18 Maggio 2021 @ 12:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>