Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

20 Maggio 2021

La sedia der dentaro

La sedia der dentaro

***

Vòi evitalla in tutti li modi,

è inutile scappà tanto te tocca,

sedette lì davanti, aprì la bocca,

ch’attureresti co bavajo e nodi.

***

C’è come un quarche cosa che te blocca,

pari er “pezzo de legno” de Collodi,

però da ’sta “balena” nun te schiodi,

fin’a che scava er trapano te sciocca.

***

Ar posto de l’avorio de ’sti denti,

nun s’è scoperta ancora ’na magnera,

de nun fà più soffrì pianti e lamenti.

***

Signore, daje ascorto a ’sta preghiera,

invece de ’ste fonti de tormenti,

ce pòi fà nasce già co la dentiera?

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Vòi evitalla in tutti li modi,
    è inutile scappà tanto te tocca,
    sedette lì davanti, aprì la bocca,
    ch’attureresti co bavajo e nodi.

    Comment by Stefano — 20 Maggio 2021 @ 06:07
  2. A Stè quella sedia è come il lunedì: triste, dolorosa e inevitabile!

    Comment by Silvio — 20 Maggio 2021 @ 10:14
  3. Ringrazio il Signore, oltre a tutto il resto, anche per i denti che mi ha dato! Io vado solo a farli pulire!
    “ce pòi fà nasce già co la dentiera?” E’ fantastico ‘sto verso!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 20 Maggio 2021 @ 15:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>