Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Maggio 2021

Morte su la funivia

Morte su la funivia

***

Vite spezzate, come quer tirante,

de quela maledetta funivia,

a un tratto er monno è scivolato via,

come quela cabbina in un istante.

***

Tutt’è sartato … pare fantasia,

de quarche firm d’orore incessante,

quann’er fracasso ar palo nun distante,

er rullo … e tutto crolla co ‘na scia …

***

… de botte e capovorte sur pendio,

fin quanno ruzzolanno nun s’aresta

cor macabbro bilancio de l’addio.

***

Doveva èsse un ber giorno de festa,

mó nun rimane che un coro a Dio:

perché ‘sta fine e piagne pupi in testa?

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Vite spezzate, come quer tirante,
    de quela maledetta funivia,
    a un tratto er monno è scivolato via,
    come quela cabbina in un istante.

    Comment by Stefano — 24 Maggio 2021 @ 07:03
  2. Di fronte a tragedie come queste ogni parola è fuori luogo. Pace alla loro anima!

    Comment by Silvio — 24 Maggio 2021 @ 08:02
  3. Penso alla paura che hanno provato mentre piombavano nel vuoto. Il Signore li ha accolti nel Suo Amore! R.i.P.

    Comment by letizia — 24 Maggio 2021 @ 11:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>