Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Maggio 2021

A Carla Fracci

A Carla Fracci

***

Si un nome e un cognome cià la danza

nun artri ce pò avé che Carla Fracci,

la regazzina che, pure du’ stracci,

grazzie ar sacrificio e a la costanza …

***

… è diventata er segno che li lacci

a sogni, desideri de ‘mportanza,

se sciojeno da soli, in tigna a ortranza,

pe chi li propi a sé tutti l’abbracci.

***

S’è fatta strada da la strada stessa,

è arivata fino in cima ar monno,

più umile, essenno principessa.

***

E grazzie a lei che tanti oggi ponno,

seguì ‘gni orma sua che resta impressa

e brilla tra le stelle in celo a sfonno.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Si un nome e un cognome cià la danza
    nun artri ce pò avé che Carla Fracci,
    la regazzina che pure du’ stracci,
    grazzie ar sacrificio e a la costanza …

    Comment by Stefano — 28 Maggio 2021 @ 05:30
  2. Riposi in pace!

    Comment by Silvio — 28 Maggio 2021 @ 09:20
  3. Dio le ha donato la dote della danza ed ora lei danzerà davanti a Dio!
    R.i.P. Amen.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 28 Maggio 2021 @ 12:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>