Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Giugno 2021

Alfredino

Alfredino

***

Tra li ricordi che ciò de bambino,

la granne maggioranza tutti belli,

ma nun ce sò purtroppo solo quelli

tra queli brutti ce sta Alfredino.

***

Chi se li pò scordà tutti fratelli

l’ommini de quer pozzo a Vermicino,

che fin’a l’urtimissimo lumino

hanno tentato de sarvà … porelli …

***

… quer pupo angioletto lì caduto,

de giorno e de notte, sole e lampi,

senza mai risparmià manco un minuto.

***

E chi se pò scordà … Dio ce ne scampi,

quela notizzia dar sapore muto,

der volo in celo d’Alfredino Rampi.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Tra li ricordi che ciò de bambino,
    la granne maggioranza tutti belli,
    ma nun ce sò purtroppo solo quelli
    tra queli brutti ce sta Alfredino.

    Comment by Stefano — 10 Giugno 2021 @ 18:26
  2. Anche se sono ormai passati quarant’anni e chi se lo dimentica il povero Alfredino?! Tutta la notte sveglia a pregare perchè si salvasse! Ma Gesù se lo è portato in Cielo e lo ha tenuto nel Suo cuore. R.i.P. Amen.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 11 Giugno 2021 @ 11:54

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>