Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

25 Giugno 2021

Fornari der Ghetto

Fornari der Ghetto

***

Tra li vicoli sparzi indentro ar Ghetto,

quanno ch’arbeggia, la matina presto,

le sole luci in mezzo ar buio pesto,

sò quelle lì de quarche caminetto.

***

Ma prima de ’sti lumi, viè più lesto,

l’odore che te penetra ner petto,

der pane appena fatto, co l’effetto

d’arisvejatte si nun t’eri desto.

***

Nun è solo un profumo, ma un’essenza,

tripudio de farina cott’ar forno,

che sa de casa, tant’è forte e intenza.

***

Ma sbrighete, ché quann’ariva giorno,

se porta via quer soffio de ’ncoscenza,

che nun lo pòi sapé si fa ritorno.

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. Tra li vicoli sparzi indentro ar Ghetto,
    quanno ch’arbeggia, la matina presto,
    le sole luci in mezzo ar buio pesto,
    sò quelle lì de quarche caminetto. …

    Comment by Stefano — 25 Giugno 2021 @ 04:03
  2. Poche cose al mondo sono buone come l’odore e il sapore del pane caldo appena sfornato!

    Comment by Silvio — 25 Giugno 2021 @ 08:42
  3. Poche cose sono inebrianti come il profumo del pane caldo appena sfornato!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 25 Giugno 2021 @ 11:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>