Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

26 Giugno 2021

Er fanfarone

Er fanfarone

***

Vabbè l’èsse spacconi pe natura,

ma tu li batti tutti, amico caro,

perdoname, si te lo dico chiaro:

’gni tanto trova pure ’na misura.

***

A datte retta Rambo è un pataccaro,

e si quarcuno tenta un’avventura,

l’hai già vissuta tu, certo più dura,

e l’artro ’nvece è solo un fregnacciaro.

***

Hai visto tutti l’angoli der monno,

te sei sarvato, come lo sa Dio,

pe ’na frazzione de nanoseconno.

***

Ma quanno te ne esci co: “So’ io,

l’unico svejo tra morti de sonno”,

se incazzerebbe pure Padre Pio.

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. Vabbè l’èsse spacconi pe natura,
    ma tu li batti tutti, amico caro,
    perdoname, si te lo dico chiaro:
    ’gni tanto trova pure ’na misura. …

    Comment by Stefano — 26 Giugno 2021 @ 06:38
  2. Di fanfaroni ce ne sono tanti e tutti bugiardi! Le avventure che vivono se le sognano di notte!
    Buon Sabato.

    Comment by letizia — 26 Giugno 2021 @ 10:32

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>