Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

29 Giugno 2021

Campo de’ Fiori

Campo de’ Fiori

***

Giù propio in fonno a via de’ Giubbonari,

a quarche metro da Piazza Farnese,

Campo de’ Fiori pare quer paese,

che cià ’na vita sua, d’artri binari.

***

Perciò s’acchitta che pare un marchese,

fra un sueggiù de mestieranti vari,

come sonà un violino stradivari,

in mezzo a un gruppo de chitare accese.

***

Via-vai continuo de passeggiatori,

sotto a lo sguardo de Giordano Bruno,

co l’occhi che je sorteno de fòri.

***

Te credo, tutt’er giorno c’è raduno,

d’umanità tra li banchi de fiori,

a lui nun se lo copre mai nisuno.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Giù propio in fonno a via de’ Giubbonari,
    a quarche metro da Piazza Farnese,
    Campo de’ Fiori pare quer paese,
    che cià ’na vita sua, d’artri binari. …

    Comment by Stefano — 29 Giugno 2021 @ 15:36
  2. Bellissimo sonetto su Campo de’ Fiori!
    Buona passeggiata per Roma!

    Comment by letizia — 30 Giugno 2021 @ 11:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>