Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

18 Luglio 2021

Li sette re de Roma

Li sette re de Roma

***

Er primo re de Roma, er fonnatore,

fu Romolo, che j’ha trasmesso er nome,

scrutò l’ucelli in volo e senza un come,

uccise Remo, zotico invasore.

***

Seguì Numa Pompilio, er portanome,

fu sacerdote e gran carcolatore,

poi Tullo Ostilio, er conquistatore,

che allargò le fronne de ’ste chiome.

***

Fu quarto Anco Marzio, spinto ar Lido,

cià costruito ponti, strade e mura,

Tarquinio Prisco, quinto, senza un grido.

***

Poi Servio Tullio, er cenzo e la misura,

prima de chiude male e dà l’affido,

a Tarquinio er Superbo e fu jattura!

**+

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Er primo re de Roma, er fonnatore,
    fu Romolo, che j’ha trasmesso er nome,
    scrutò l’ucelli in volo e senza un come,
    uccise Remo, zotico invasore. …

    Comment by Stefano — 18 Luglio 2021 @ 17:17
  2. Anche se è lunedì, coi sette re di Roma, Buona Giornata!

    E’ proprio “Strano” che non ti viene la rima! Però, a volte succede soprattutto ai più bravi!

    Comment by letizia — 19 Luglio 2021 @ 13:23

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>