Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

25 Luglio 2021

L’atteggione

L’atteggione

***

Pe sbajo, amico, tu sei nato omo,

pe come te comporti da pavone,

co l’aria da gagà e d’atteggione,

co tutti l’artri mozzi e tu er nostromo.

***

Vestito sempre in tiro, da piacione,

te guardi l’artro da watusso a gnomo,

dietr’a l’occhiali a specchio, color cromo,

ciancichi er “chewing-gum” in continuazzione.

***

Er mejo ariesci a dàllo co le donne,

l’acchiappi tutte, nun ne sàrti una,

le metti in fila, come le colonne.

***

Peccato che ar dunque (o peffortuna),

prima de calà veli, carze e gonne,

te sgameno che sei un chiaro de luna!

***

Stefano Agostino

____________________

***

  1. Pe sbajo, amico, tu sei nato omo,
    pe come te comporti da pavone,
    co l’aria da gagà e d’atteggione,
    co tutti l’artri mozzi e tu er nostromo. …

    Comment by Stefano — 25 Luglio 2021 @ 15:20
  2. Questo genere di persone (o pavoni) sono ridicole e fanno solo pena!
    Buona giornata.

    Comment by letizia — 26 Luglio 2021 @ 11:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>