Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

27 Luglio 2021

Er caffè

Er caffè

***

Er gusto sopraffino e quer sapore,

de quelli che ’ngongoleno narici,

che t’apreno pormoni e benedici,

chi l’ha inventato, gran benefattore.

***

La machinetta, in meno che lo dici,

borbotta e presto sbuffa de vapore,

passa un seconno, pieno de calore,

spanne l’aroma in mille direttrici.

***

Co macchia, ar vetro, corto o più ristretto,

espresso, lungo, freddo, in tazza granne,

o co un goccetto d’arcol, si è coretto.

***

So solo che si m’arzo che sto in panne,

appena sletargato ’ngiù dar letto,

senza caffè, io rimarei in mutanne…

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Er gusto sopraffino e quer sapore,
    de quelli che ’ngongoleno narici,
    che t’apreno pormoni e benedici,
    chi l’ha inventato, gran benefattore. …

    Comment by Stefano — 27 Luglio 2021 @ 05:19

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>