Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

28 Luglio 2021

La scerta der vaccino

La scerta der vaccino

***

Nun vòi vaccinatte? È ‘na tua scerta,

che io nun condivido, ma rispetto,

arivo presto ar punto der sonetto,

ciài da seguì però la strada offerta.

***

Nun è ‘na dittatura si prometto

sortanto cor vaccino porta aperta,

che nego a te che, guarda che scoperta,

rischi eccome ancora d’èsse infetto.

**

Nun hai voluto inoculà er vaccino,

pe le raggioni tue che nun commento,

ma nun pòi rompe e manco fà casino …

***

… si mó sortanto chi cià er documento

da immunizzato pò fà quer cammino,

che hai schifato dar primo momento.

***

Stefano Agostino

______________________

******

  1. Nun vòi vaccinatte? È ‘na tua scerta,
    che io nun condivido, ma rispetto,
    arivo presto ar punto der sonetto,
    ciài da seguì però la strada offerta. …

    Comment by Stefano — 28 Luglio 2021 @ 05:07
  2. Mi dispiace, ma questa è una vera dittatura, imposta dalle bigFarma che io non condivido.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 28 Luglio 2021 @ 12:04
  3. In poche righe non si può commentare così riduttivamente una problematica così complessa. Tra l’altro il vaccinarsi è stato indicato inizialmente come libera scelta e come tale va rispettata….poi bisognerebbe evitare di mettersi gli uni contro gli altri….non ci sono vincitori e vinti

    Comment by Erica — 28 Luglio 2021 @ 21:02

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>