Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

4 Agosto 2021

La guera

La guera

***

Nun l’ho vissuta, certo, peffortuna,

sinnò su libbri o dentro ar teleschermo,

ma tremo come foja e nun me fermo,

co l’incubbo de vivene quarcuna.

***

Speranza de magnà pane raffermo,

e sopravvive ar chiaro de luna,

cor rischio che da mezzanotte a l’una,

me cambia tutto, senza che confermo.

***

Signore mio, nun fà scappà ’sto monno,

incontr’ar tetro mostro de la guera,

che lo farebbe quadro in un seconno.

***

E sveja Tu li capi de la Tera,

pe faje dì, destati da ’sto sonno,

che razza de stronzata è ’gni frontiera!

***

Stefano Agostino

________________________

**+

  1. Nun l’ho vissuta, certo, peffortuna,
    sinnò su libbri o dentro ar teleschermo,
    ma tremo come foja e nun me fermo,
    co l’incubbo de vivene quarcuna. …

    Comment by Stefano — 4 Agosto 2021 @ 05:42
  2. La guerra: la cosa peggiore che l’essere umano(?) ha inventato! Ma io continuo a dire che siamo tutti figli di Caino e, come tali…, solo DIO può salvarci!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 4 Agosto 2021 @ 11:44

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>