Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Agosto 2021

‘Na sera a Garbatella

‘Na sera a Garbatella

***

Si vòi gustatte, senza ghirigori,

piatti romani e beve a garganella,

fatte un giretto pe la Garbatella,

ch’è come magnà in casa, stanno fòri.

***

È er mejo posto ’ndó ce se stornella,

chitare ch’arintoneno li cori,

e nun ce sò poracci, né signori,

ma solo gente alegra in comunella.

***

Trippa, pajata, abbacchio scottadito,

li sartimbocca, un piatto de facioli,

er tonnarello a cacio e pepe è rito.

**+

Senza tovaja e senza tovajoli,

sur tavolo ch’è pure un po’ sdrucito,

ma come magni già t’ariconzoli.

**+

Stefano Agostino

_____________________

***

  1. Si vòi gustatte, senza ghirigori,
    piatti romani e beve a garganella,
    fatte un giretto pe la Garbatella,
    ch’è come magnà in casa, stanno fòri. …

    Comment by Stefano — 15 Agosto 2021 @ 16:40
  2. Mi ero sempre ripromessa di andarci, invece non l’ho mai fatto! Chissà se mi sarà possibile andarci!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 18 Agosto 2021 @ 12:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>