Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

25 Agosto 2021

Talebani tal’e quali

Talebani tal’e quali

***

Ma quali conferenze e interviste?

Quale dipromazzia e che parole?

Nun c’è da crede a ‘sti tajagole,

né daje spazzio in TV e riviste.

***

Che dialogo vòi fà co ‘ste gran sòle?

Pe rivedé così scene già viste,

de come sò le menti qui reggiste,

de stampo talebano e de che prole.

***

Sò quelli che sgozzaveno bambini,

artro che sò cambiati e che sò boni,

si tratteno le donne da zerbini.

***

Nun c’è da dialogà co ‘sti zozzoni,

ma da caccialli presto ‘st’assassini,

levannoseli già da li cojoni.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Ma quali conferenze e interviste?
    Quale dipromazzia e che parole?
    Nun c’è da crede a ‘sti tajagole,
    né daje spazzio in TV e riviste. …

    Comment by Stefano — 25 Agosto 2021 @ 03:25
  2. Fintanto che questi stanno in giro non ci sarà mai pace per nessuno! E in tv ci fanno pure le trasmissioni: Mala tempora currunt!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 25 Agosto 2021 @ 11:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>