Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

7 Settembre 2021

L’incazzato perenne

L’incazzato perenne

***

Capisco che ’gni tanto ciài ’no scatto,

chi nun s’arabbia mai è nato male,

ma nun pò èsse certo naturale,

che ’gni momento strilli come un matto.

***

Ce sarà un giorno, prima der finale,

che nun te scalli più pe quarche fatto,

che t’avvelena ar punto che, pe tratto,

perzino “Hulk” lo fai sembrà normale.

***

Quanno ritorni in te, te renni conto,

de quant’è brutto perde la raggione,

ortre ch’er tempo, che nun cià confronto.

***

Ma è ’na goccia in mezzo a l’alluvione,

co gnente vedi rosso e già sei pronto,

che pari un toro da competizzione.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Capisco che ’gni tanto ciài ’no scatto,
    chi nun s’arabbia mai è nato male,
    ma nun pò èsse certo naturale,
    che ’gni momento strilli come un matto. …

    Comment by Stefano — 7 Settembre 2021 @ 07:22
  2. Il primo a pagare le conseguenze dell’incazzatura perenne è il soggetto stesso che vivrà nel malessere costante, oltre al fatto che le altre persone tenderanno a isolarlo

    Comment by Silvio — 7 Settembre 2021 @ 09:33
  3. Per fortuna io non conosco nessuno perennemente arrabbiato, anche, se devo dire che dati i tempi che corrono… E comunque è sempre meglio restare calmi se è possibile!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 7 Settembre 2021 @ 13:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>