Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

9 Settembre 2021

La scòla

La scòla

***

Da granni ce s’accorge quanto vale,

quanno se fa, perché ce s’è costretti,

è mette le corazze co l’ermetti,

e latta pe la zona genitale.

***

Da che se fa l’asilo, scolaretti,

fino ar diproma, grado liceale,

è tutta ’na salita su pe scale,

’ndó mancheno sostegni e parapetti.

***

Quann’hai finito è solo che ’na festa

e pòi lancià li libbri dar terazzo,

tojennote la scòla da la testa.

***

Ma nun lo fà, nun tanto p’er palazzo,

potresti un dì pentitte de ’ste gesta,

tu che mό m’arisponni: “Sì, cor cazzo!”

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Da granni ce s’accorge quanto vale,
    quanno se fa, perché ce s’è costretti,
    è mette le corazze co l’ermetti,
    e latta pe la zona genitale. …

    Comment by Stefano — 9 Settembre 2021 @ 14:41
  2. Ai miei figli adolescenti ripeto continuamente che non devono studiare per il voto a scuola ma per la vita. Ovviamente le mie parole non sono comprese, così come non le capivo io quando me le diceva mio padre…

    Comment by Silvio — 10 Settembre 2021 @ 10:09
  3. Tutti gli anni che ho passato a studiare sono stati, fino ad oggi, quelli più belli della mia vita! Studiare mi è sempre piaciuto anche se qualche materia era una “palla”!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 10 Settembre 2021 @ 11:30

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>