Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

30 Settembre 2021

Er pedofilo

Er pedofilo

***

Nun so che pò passà dentro ar cervello,

de chi se eccita co un regazzino,

a soddisfà ’na voja d’aguzzino,

che pe godé deve stuprà un pischello.

***

A raggionà co spirito divino,

anche ’sto pervertito è mi’ fratello.

Signore mio, tu metteme ar burello,

si è mi’ fratello lui, io so’ Caino!

***

Nun so che je farebbe io, piuttosto,

si mai lo becco un giorno fà quer gesto,

ma me lo chiedo e già me so’ risposto.

***

Je mozzo quela spece de pretesto,

che cià in mezzo a le gambe e co lui, tosto,

ce vado ar gabbio inzieme e je do er resto!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Nun so che pò passà dentro ar cervello,
    de chi se eccita co un regazzino,
    a soddisfà ’na voja d’aguzzino,
    che pe godé deve stuprà un pischello. …

    Comment by Stefano — 30 Settembre 2021 @ 05:12
  2. E’ così odioso ciò di cui si macchiano i pedofili che perfino gli altri criminali in carcere non accettano di buon grado la loro presenza

    Comment by Silvio — 30 Settembre 2021 @ 09:07
  3. E’ la cosa più disgustosa, schifosa, abominevole, ripugnante, turpe, vile (e chi più ne ha più ne metta) che si possa fare a un bambino!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 30 Settembre 2021 @ 11:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>