Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

4 Ottobre 2021

“Ponte de fero” a foco

“Ponte de fero” a foco

***

Sei un pezzo de la storia ch’è de Roma,

ma che me tocca in modo perzonale,

essenno da Marconi er mio natale,

passà er “Ponte de fero” è un assioma.

***

Sapette anche ferito fa stà male,

a chi cià a còre Roma cor diproma,

nun solo in tradizzione e pe l’idioma,

ma tutto quer che ne fa Capitale.

***

T’hanno abbruciato ma tu sei più forte,

e tornerai ar più presto come novo,

te scorderai de tutto e de ‘sta sorte.

***

Ma adesso già me manchi e t’aritrovo

impecettato tra bariere e scorte,

e penzo a te e … gnente, me commovo.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Sei un pezzo de la storia ch’è de Roma,
    ma che me tocca in modo perzonale,
    essenno da Marconi er mio natale,
    passà er “Ponte de fero” è un assioma. …

    Comment by Stefano — 4 Ottobre 2021 @ 18:17
  2. A Roma stanno accadendo cose assurde: prima il ponte di ferro (spero che lo riaggiustino davvero) oggi bruciati 30 autobus in un deposito dell’atac! Roma mia abbandonata e sporca! sembra di essere precipitati di nuovo nel medio evo!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 5 Ottobre 2021 @ 11:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>